Scuola: approvati i decreti attuativi della riforma

Il Consiglio dei ministri del 7 aprile dà il via libera ai decreti attuativi della riforma della scuola la quale prevede tra le altre cose nuove modalità per la maturità a partire dal 2019 e per diventare insegnanti.
Il Governo spiega che nello specifico, i provvedimenti prevedono otto punti fondamentali.
In primo luogo tratta la formazione e accesso ai ruoli del personale docente della scuola secondaria e tecnica.  Il decreto delinea l’articolazione del percorso unitario di accesso e formazione ai ruoli a tempo indeterminato del personale docente, nonché dell’insegnamento tecnico-pratico, denominato “Sistema di formazione iniziale e di accesso”.
Secondariamente tocca il tema della promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità. Il decreto aggiorna, riorganizza e razionalizza i provvedimenti vigenti in materia, tenendo conto della nuova prospettiva nazionale ed internazionale dell'inclusione scolastica. L'obiettivo principale è quello di garantire all'alunno e allo studente con disabilità certificata di poter fruire di tutti i servizi di cui ha diritto.
Altro ambito di modifica riguarda la revisione dei percorsi dell'istruzione professionale, nel rispetto dell'articolo 117 della Costituzione,  il decreto supera la sovrapposizione tra istruzione professionale e istruzione tecnica attraverso il rafforzamento dell'identità dell'istruzione professionale.
Viene modificato, inoltre, il sistema integrato di educazione e di istruzione per i bambini in età compresa dalla nascita fino ai sei anni. Il decreto nasce dall'esigenza di garantire pari opportunità di educazione e di istruzione eliminando disuguaglianze di ogni genere e costruendo un percorso educativo unitario.
Vede alcune migliorie anche il nebuloso nodo sull'effettività del diritto allo studio. Al fine di garantire l'effettività del diritto allo studio degli alunni del sistema nazionale di istruzione e formazione fino al completamento del percorso di istruzione secondaria di secondo grado, il decreto riorganizza e promuove un sistema di welfare studentesco fondato sull'uniformità territoriale dei servizi per il diritto allo studio e stanzia un budget di circa 60 milioni per le borse di studio, i sussidi didattici agli alunni con disabilità e il comodato d'uso dei libri e dei sussidi digitali.
Anche la promozione della cultura umanistica e il sostegno alla creatività diviene di primaria importanza; il decreto prevede che ogni istituto concorra a realizzare un sistema coordinato per la progettazione e la promozione della conoscenza delle arti e della loro pratica quale requisito fondamentale del percorso di ciascun grado di istruzione del sistema nazionale di istruzione e formazione.
Per quanto riguarda la disciplina della scuola italiana all'estero, il decreto aggiorna gli ordinamenti per rispondere alla realtà socio-economica di ciascuno dei Paesi esteri in cui si opera rafforzando la missione di promozione della cultura italiana all'estero.
Ultimo punto trattato dal decreto “della buona scuola” apporta alcune modifiche alla valutazione e alla certificazione delle competenze nel primo ciclo di studio e degli esami di Stato. Il decreto riordina e coordina in un unico testo le disposizioni vigenti in materia di ammissione alla classe successiva per gli alunni prevedendo l’ammissione anche in presenza di livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di acquisizione. L'esame di Stato conclusivo viene, inoltre, semplificato nel numero di prove scritte e nelle modalità di attribuzione della valutazione finale dando più peso ai percorsi scolastici. Infine, la prova INVALSI verrà effettuata in un altro momento dell'anno scolastico e con la sola funzione di requisito obbligatorio di ammissione all'esame.

Torna in alto

followgiovaniliguria

Regione Liguria - Piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. centralino +39 010 54851 - numero verde gratuito Urp 800 445 445 - fax +39 010 5488742 - © Regione Liguria p.i. 00849050109 - redazione@giovaniliguria.it

note legali - credits - contatti - privacy policy - area riservata

Login or Register

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy. privacy policy.